(Grafico)

Nel diagramma di una lega eutettica le due curve coincidono. la temperatura di inizio e fine solidificazione è la stessa, perché le leghe eutettiche si solidificano a temperatura costante. La temperatura in E è la più bassa. La lega eutettica solidifica a temperatura più bassa di punto A e B. E' un vantaggio perché si deve scaldare meno e si consuma meno energia. Una lega eutettica è immiscibile allo stato solido. Cioè allo stato solido si trovano grani formati da A e B. Un grano è tutto di A e un altro tutto di B.

(Grafico)

Questo è un diagramma con parziale miscibilità. Alpha e Beta sono soluzioni solide, in cui Alpha è l'elemento base e Beta è l'alligante e viceversa in Beta B è materiale base e A è alligante. La soluzione solida è una lega completamente miscibile. Questi diagrammi valgono anche da stato solido a solido.
(Grafico)

CICLO TERMICO

Vuol dire sottoporre ad una variazione di temperatura di organi metallici. La temperatura massima del trattamento termico è tra 900°/950°, Invece i trattamenti minori hanno una temperatura tra 220°/230°. Tipicamente non sono sotto i 750°. Per fare un trattamento faccio un ciclo termico. Il ciclo termico è una variazione di temperatura. Il ciclo termico se fatto bene diventa un trattamento termico.
Il ciclo termico ha 3 fasi:
1°Fase: Riscaldamento
2°Fase: Permanenza
3°Fase: Raffreddamento

RISCALDAMENTO

Il materiale si riscalda subito esternamente e dopo un po' di tempo si riscalda all'interno. Questo è un problema perché ci sarebbe la differenza di dilatazione perché l'esterno si espande all'interno e si rischia la staccatura del materiale. Il riscaldamento dev'essere veloce, ma non tanto da distruggere il pezzo.

PERMANENZA

La permanenza deve durare quanto basta per garantire in tutto il pezzo la temperatura omogenea. Se si cala la temperatura il trattamento salta, perché si può trattare solo la parte scaldata. La durata deve essere tale da non rovinare il pezzo
.
RAFFREDDAMENTO

La velocità di raffreddamento è data dall'angolazione del segmento Beta. Il raffreddamento è la fase più delicata e in cui si può sbagliare facilmente. Può variare da pochi secondi a giorni. I liquidi danno la più grande velocità di raffreddamento. Il sistema più lento è quello di lasciare il pezzo in forno oppure tirarlo fuori e lasciarlo raffreddare con aria. Il materiale se raffreddato con l'acqua si rompe (Shock Termico) a causa della dilatazione termica differente. La parte esterna comprime la parte interna. E' lo stesso problema del risaldamento ma al contrario.

CICLO TERMICO SEMPLICE

Il ciclo termico è semplice quando ci sono 3 fasi. E' il ciclo usato nella maggioranza dei casi.

CICLO TERMICO COMPOSTO

Il ciclo termico è composto quando dopo il primo ciclo gliene si aggiunge un altro. Il secondo è a temperatura più bassa solitamente.

(Grafico)

CICLO TERMICO COMPLESSO

Il ciclo termico è complesso quando prevede variazioni di velocità e le soste intermedie. Si usa per portare alla stessa temperatura il pezzo ed evitare il problema.
(Grafico)






There are no comments on this page.
Valid XHTML :: Valid CSS: :: Powered by WikkaWiki