PROVA ROCKWELLL

E’ differente dalle 2 prove. Infatti lo scopo è quello di misurare la profondità dell’ impronta, la macchina è già impostata per questa misura ma in realtà, nel display, modificando la scala degli indicatori e mettendoci la formula possiamo leggere direttamente la durezza rockwell.

Vantaggi:.
Modalità prova:
Penetratore: può essere un penetratore a cono con angolo al vertice 120°, la durezza è espressa con il simbolo HRC ( HR: durezza Rockwell, C: scala della durezza Rockwell), il carico è diviso in precarico Fo=98N e carico F1=882 N; il penetratore è un cono a punta perfetta ma è arrotondata perché si spacca.
Il penetratore può essere a forma di sfera con d1=1.58 mm oppure d2= 3.175 mm, la sfera è acciaio duro con HV 850, la durezza è espressa con il simbolo HRB, il carico in precarico Fo= 98N e carico F1=1471 N .

Prova: è suddivisa in 4 fasi:
Disegno quattro fasi 1 applica il precarico di 98N (10kg) come 1° penetrazione con lo scopo
di eliminare il ritorno elastico. Importante per misura h.
2 applica il carico F1 → Fo + F1 per 2-8 secondi con una deformazione
plastica. Il carico va da Fo a F1 ( valore massimo )

Ora bisogna calcolare h che è la differenza tra lo posizione iniziale 1 ( quota dopo la deformazione elastica ) la posizione finale 4 ( dopo recupero elastico). Il valore h deve essere preciso, errore massimo consentito è +/- 0.001 mm, cioè un micron ma per il soggetto non è un problema perché la macchina è già impostata.
Formule:

HRB= 130- ( h / 0.02 ) HRC= 100- ( h / 0.02 )

La profondità del provino deve essere:
s>10h ( cono ) s>15h ( sfera )
La superficie del provino dev’ essere liscia ( non grezza ):
B>2.5d e >1 mm I>4d e > 2 mm









There are no comments on this page.
Valid XHTML :: Valid CSS: :: Powered by WikkaWiki